Sing Street

singstreetposter

DATA USCITA: 09 novembre 2016

ANNO: 2016

REGIA: John Carney

ATTORI: Jack Reynor, Aidan Gillen, Maria Doyle Kennedy, Lucy Boynton, Marcella Plunkett

SCENEGGIATURA: John Carney

FOTOGRAFIA: Yaron Orbach

MONTAGGIO: Andrew Marcus

PRODUZIONE: Cosmo Films, Distressed Films, FilmWave

DISTRIBUZIONE: BIM

PAESE: Irlanda

DURATA: 105 Min

Il film è musica, passione, salvezza, sogno, riscatto, vita. E’ musica degli anni 80 dove a Dublino, adolescenti uniti quasi dal caso, hanno creduto e assecondato le proprie inclinazioni e senza retorica e banalità hanno portato il loro sogno oltre mare, in Inghilterra: il finale non si sa, ma il film non riguarda l’affermazione nel mondo della musica.

Il film è storia di successo di studenti che hanno deciso di vivere attivamente la propria età, il proprio essere. E’ storia di giovinezza, adolescenti che scelgono, in modo più o meno consapevole, se cadere dal mondo instabile su cui camminano o restare ben saldi, cercando appigli e soprattutto creando. E così davanti allo spettatore prende forma con delicatezza e semplicità il concetto dell’arte come strumento per creare una vita migliore, una vita vissuta non come vittime capaci di arginare ciò che non va, di limitare i danni, ma come attori in grado di creare un’alternativa, di creare qualcosa che sia migliore, differente, anche “felice triste” come si dice nel film.

Conor crea la band per avvicinare una ragazza, Raphina, e le propone di girare un video insieme. Inizialmente le motivazioni che spingono alla formazione della band sono personali, ma il costante confronto di Conor con il fratello maggiore, Brendan, rivela una sensibilità artistica e musicale non trascurabile e Conor si tuffa senza alcuna titubanza nella musica, dedicandovi tutto il suo tempo, il tutto o niente tipico dell’età e anche Raphina, sulla stessa lunghezza d’onda, dimostra che o le cose si fanno bene o non si fanno.

Così Brendan, fratello maggiore di Conor poi soprannominato Cosmo, è il personaggio del backstage che contribuisce in maniera determinante allo sviluppo musicale e personale di Conor, nutrendolo quotidianamente con lp da ascoltare, filosofie sulla vita, sul rock, sulla musica e anche con “compiti” da eseguire. Lo alimenta e Cosmo assorbe e vive trasformandosi giorno dopo giorno in un talentuoso cantautore, influenzato inevitabilmente, anche nel look, dai Clash, Duran Duran, Spandau Ballet, Depeche Mode e dai Cure.

Brendan spiega poi che cos’è “felice triste”: lancia un vinile dei Cure a Cosmo e gli dice che loro sono “felici tristi”. Conor comunica alla band che ora hanno uno stile, niente più pop, ora sono “felici tristi”. E cosa significa? Nessuno lo sa. Ma può far bene alla loro musica? Si. E allora che sia felice triste!

Queste le contraddizioni, le ingenuità dei componenti della band che, nel difficile quotidiano –  problemi familiari onnipresenti, crisi economica che sta colpendo in maniera molto pesante le famiglie irlandesi costringendole a scelte faticose – riescono a trovare una risposta, ad avere un sogno, a vivere pienamente quella realtà da cui riescono a divincolarsi per non farsi schiacciare e liberi sono capaci di cambiarla.

Il film va visto e i dettagli che ci hanno commosso, fatto sorridere o divertito vanno scoperti lentamente. Ricordiamo però che la colonna sonora accattivante e orecchiabile gioca sporco con alcuni brani intramontabili, anche per i non amanti del genere, e la simpatia degli adolescenti, con la loro freschezza incita a rimettersi in gioco: ma non per rincorrere vecchi sogni, per quelli forse non c’è più tempo e per alcuni non è il caso, ma per essere protagonisti nella nostra quotidianità, capaci di costruire l’alternativa all’esistente. E l’alibi dell’età, se si vuole costruire, non regge.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...